Il petrolatum fa male alla pelle? [I parte]

pozzi-petrolioA questa domanda così rispose Fabrizio Zago nel lontano (!!) 2001:
"La prima cosa è che il “Paraffinum Liquidum” ha anche altre denominazioni. Ad esempio è conosciuto anche sotto il nome di “PETROLATUM” e credo non serva insistere molto per capire che si tratta di un derivato petrolifero. Altro nome volgare è “OLIO DI VASELINA”.

Un altro elemento importante è che questo è l’emolliente o se preferisci, l’olio cosmetico (???) al più basso costo del mercato, attorno alle 2.500 lire. Per tua informazione ti segnalo che oli cosmetici di derivazione vegetali hanno dei prezzi che vanno dalle 5.000 alle 25.000 lire al chilogrammo.

Inquadrato il problema veniamo al centro della tua domanda. E’ pericoloso? Ti posso dire che non esistono studi specifici che ne dimostrino una sicura tossicità il sospetto, ovviamente, c’è vista la sua origine. Di una cosa invece esistono delle evidenze scientifiche certe e cioè il prodotto è COMEDOGENICO.

Cosa vuol dire? Mah..semplicemente che favorisce o provoca la formazione di “Comedoni” che non riesco a spiegarti se non riportandoti la definizione del vocabolario “Rilievo puntiforme nerastro che si forma sulla cute, specialmente del viso, a causa dell’ostruzione dell’orifizio di una ghiandola sebacea” volgarmente i “punti neri” dramma di tutti gli adolescenti e non.

Una famiglia di prodotti particolarmente ricca di “Paraffinum Liquidum” sono gli struccanti perché la vaselina ha un ottimo potere solvente e quindi riesce facilmente a sciogliere i pigmenti ed i fissanti del maquillage, peccato che questa sia l’ultima operazione da fare prima di andare a letto e quindi si rimane tutta la notte in contatto col il petrolatum.

Insomma, se puoi, scegli dei prodotti senza vaselina che è meglio, anche a te prometto di pubblicare al più presto la “guida all’interpretazione dei componenti cosmetici” che sto elaborando in modo che ognuno di noi diventi un consumatore avvertito e consapevole."